mercoledì 22 maggio 2013

Vita da marciapiede e cuore di poeta


I versi del re barbone

<Per tutti vorrei scrivere un mio verso e quindi con un urlo primordiale scagliarlo verso il cielo>. Questi versi sono tratti da Preghiera di Poeta, una delle tante poesie di “Libertà e Amore”, il secondo libro di Armando Bruzzesi (in realtà era il primo. Nota di wdm_photo).
Detta così la cosa potrebbe sembrare senza importanza perché come si sa l'Italia è il paese dei santi, dei poeti e dei navigatori. Ma è la storia di Armando, 69 anni, che merita di essere raccontata, soprattutto adesso che siamo alla vigilia della pubblicazione del suo terzo libro, dal titolo provvisorio: “Sofismi” (il terzo libro di Armando s'intitolerà poi “Il tempo dell'Amore” e precede di poco la stampa del quarto libro: “Fiori e Pensieri”).
L'uomo, noto soprattutto come il “re dei barboni” ha fatto della strada il suo regno e nonostante questa scelta di libertà estrema, non smette di esprimere in versi le sue speranze, le sue angosce e le sue gioie. <Per me le poesie non sono campate in aria, ma frutto delle esperienze vissute sul marciapiede, altri versi esprimono i miei sogni, altri ancora sono delle canzoni nate in tutti i momenti della mia vita>. Ancora una volta, Armando affida alla cooperativa “Casa del Giovane” la pubblicazione dei suoi libri. <Sto completando il terzo libro, ma ho già in cantiere anche il quarto. Purtroppo per i costi posso stampare solo mille copie. Come gli altri, anche questi due libri parlano un po' di tutto e la poesia rimane il mio modo di espressione>. In città sono in molti a riconoscere Armando quando passa. La sua folta barba bianca, oltre al suo modo di vestire, è il suo segno di riconoscimento. La sua notorietà supera i confini della pavesità e a testimonianza di tutto questo sono le numerose lettere che riceve da ogni parte d'Italia. Il “poeta vagabondo” è senza dubbio la dimensione del modo di dire: <La poesia è lo specchio dell'anima>.

La lettura prosegue sulla copia della dall'articolo di Bakolo Ngol che nella seconda parte diventa più chiara e facilmente leggibile.