lunedì 16 settembre 2013

Atea è l'indifferenza

Percorrendo cammini nel tempo riconosci che
l'umanità oggi è ad un bivio: l'assurdo o il mistero?
L'assurdo porta alla disperazione, il mistero
come una scala invita a salire sul sublime
colle della speranza, ove la vita s'infiora, l'animo
tace, colto da improvviso stupore.
La scelta del mistero è la via che conduce alla
verità ed alla liberazione dai mille intrugli che
possono rendere dubbioso il cammino.
Duole, fa male, fa paura l'indifferenza.
E' la morte dell'anima, induce l'uomo a
chiudersi in se stesso, a guardare solo il suo
tornaconto senza cogliere la varietà della vita
e delle  varie sofferenze, incapace com'è
d'altruistici slanci nel diario dei giorni a venire.

L'assurdo mistero


re dei barboni 16.09.2013